Villa Antinori

Annata

Classificazione

Chianti Classico DOCG Riserva

Uvaggio

90% Sangiovese, 10% Canaiolo ed altre varietà rosse complementari

Clima

Il buon andamento climatico dell'inizio della Primavera ha favorito un precoce germogliamento delle diverse varietà. In seguito, le eccellenti condizioni di temperatura e pioggia hanno permesso l'instaurarsi di un ottimo equilibrio vegeto-produttivo delle piante, che si è protratto fino all'invaiatura, avvenuta tra la fine di Luglio e l'inizio di Agosto, con un anticipo di circa 7-10 gg. rispetto alla media. L'eccessiva ondata di caldo che si è verificata a cavallo di "Ferragosto", fortunatamente limitata, non ha provocato arresti nella maturazione delle uve. Questo anticipo di maturazione delle uve ha fatto sì che già immediatamente dopo il 15 Agosto si iniziassero nei vigneti i lavori di selezione e diradamento delle eventuali produzioni in eccesso. In conclusione, già verso la fine di Agosto, le uve di alcune varietà erano nella condizione ottimale per essere raccolte, segnando la prima vendemmia del "terzo millennio" con un anticipo di ca. 10 gg. rispetto alla normalità.

Vinificazione

Le uve sono state diraspate e pigiate in maniera soffice e la macerazione è durata per ca. 12 giorni in serbatoi di acciaio inox. Durante questa fase, il vino ha completato la fermentazione ad una temperatura non superiore ai 30°C. Entro la fine dell'anno il vino ha completato anche la fermentazione malolattica ed è stato trasferito, in parte in botti di rovere di varie capacità, e in parte in barriques francesi dove è rimasto per 14 mesi. Il vino è stato poi imbottigliato e si è affinato per almeno 6 mesi, prima di essere introdotto sul mercato.
Alcool : 13,0% Vol.

Dati storici

Antinori produce Chianti Classico ormai da secoli. Questo vino è stato introdotto nel 1928 da Niccolò Antinori, padre di Piero Antinori, come il primo Chianti prodotto appositamente per invecchiare e migliorare nel tempo. Villa Antinori Riserva che è diventato un riferimento per i Chianti Classico Riserva, è prodotto soltanto nelle annate migliori. L'etichetta che è rimasta invariata dal 1928, è stata leggermente ritoccata nel 1990.

Note degustative

Rosso rubino intenso con sfumature granato, è ricco in estratti. Ha tannini bilanciati, è vellutato ed elegante.