Villa Antinori

Annata

Classificazione

Toscana IGT

Uvaggio

Prevalentemente Sangiovese, con minori quantità di Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah

Clima

L’annata 2014 è stata caratterizzata durante i mesi invernali e primaverili da frequenti precipitazioni e temperature miti, comportando un notevole anticipo del germogliamento. Le temperature elevate della stagione estiva e il protrarsi delle precipitazioni hanno causato un leggero arresto del processo di maturazione delle uve, riequilibrando il ciclo vegetativo e non compromettendone lo stato sanitario. La vendemmia del Sangiovese e del Cabernet è iniziata negli ultimi giorni di settembre ed è terminata nella prima settimana di ottobre.

Vinificazione

Le uve sono state diraspate e pigiate in maniera soffice e trasferite in appositi serbatoi termo condizionati dove è avvenuta la fermentazione alcolica (5-7 giorni) e la macerazione (8-12 giorni). La temperatura di fermentazione  non ha mai superato i 28° C per le uve Cabernet e Sangiovese, favorendo così l’estrazione di colore e tannini dolci. Nel caso dello Syrah e del Merlot non si sono mai superati i 25° C per preservare gli aromi. La fermentazione malolattica si è svolta nei mesi di ottobre e novembre. Il vino è stato imbottigliato nel mese di giugno 2016.

Dati storici

Il Villa Rosso è stato introdotto nel 1928 dal Marchese Niccolò Antinori, padre di Piero Antinori, come il primo Chianti prodotto per essere invecchiato e migliorare nel tempo. Nel 2001, Piero Antinori inaugura una nuova evoluzione del Villa Antinori che diventa un Toscana I.G.T, prodotto con le migliori selezioni di uve provenienti esclusivamente dalle tenute di proprietà in Toscana. Il disegno dell'etichetta è rimasto invariato dal 1928: è stata solo leggermente ritoccata con l'annata 1990 e con il 2001.

Note degustative

Il vino si presenta di colore rosso rubino intenso. Al naso è complesso con note di frutta a bacca rossa matura come ciliegia e prugna ben in armonia con la speziatura di vaniglia e pepe ereditata dall’affinamento in barriques. Al palato è rotondo, con tannini morbidi e vellutati, di buon corpo e con un finale lungo e sapido.