Villa Antinori bianco

Annata

Classificazione

Toscana IGT

Uvaggio

70% Trebbiano e Malvasia, 30% Pinot Bianco e Pinot Grigio

Clima

Nel 2008, in tutta la Toscana, abbiamo avuto una primavera piuttosto piovosa che ha creato alcune difficoltà nella prima fase vegetativa delle piante, soprattutto durante la fioritura. L'estate sostanzialmente secca, ha riequilibrato aromi, zuccheri, componente acidica e minerale.
La vendemmia di Pinot grigio e Pinot bianco è avvenuta a cominciare dai primi di settembre ed è continuata fino ad inizio ottobre con il Trebbiano.

Vinificazione

Le uve sono state diraspate e pressate in maniera molto soffice. Il mosto è stato raffreddato ad una temperatura di 10°C per favorirne la chiarificazione naturale e trasferito in serbatoi di acciaio inox a temperatura controllata dove ha avuto luogo la fermentazione alcolica, ad una temperatura non superiore ai 18°C. Il vino è stato poi conservato in serbatoi di acciaio inox ad una temperatura di 10°C (per preservarne la fragranza) fino al momento dell'imbottigliamento. Alcool : 12,0% Vol.

Dati storici

Villa Antinori Bianco è stato prodotto per la prima volta con l'annata 1931 da Niccolò Antinori; da allora l'etichetta è rimasta praticamente invariata, così come la filosofia di produzione improntata sulla "toscanità".

Note degustative

Di colore giallo paglierino ha profumo intenso e fine con note floreali ed aromatiche di rosa gialla. Al gusto si presenta di buon corpo, fresco, morbido, di buona persistenza aromatica. Piacevole da bere.