Scabrezza

Annata

Classificazione

Toscana IGT

Uvaggio

Pinot Bianco

Clima

L’annata 2016 è stata caratterizzata da un clima mite e lievemente piovoso. La stagione primaverile ha goduto di precipitazioni intense che hanno garantito una buona riserva idrica, in vista di un  clima estivo con temperature elevate e scarse precipitazioni. Le piogge di fine agosto e il conseguente abbassamento delle temperature  hanno riequilibrato lo sviluppo della pianta. La raccolta è avvenuta nella terza settimana di settembre con uve contraddistinte da una buona acidità e carica aromatica.

Vinificazione

La raccolta è avvenuta a mano e i grappoli, dopo essere stati diraspati, sono stati sottoposti ad una soffice pressatura al fine di estrarne con la maggior delicatezza possibile il succo, preservando la componente aromatica. Il mosto è stato fermentato in tini di acciaio inox a temperature comprese tra 14 e 16°C. L’assemblaggio dei vari lotti, vinificati separatamente, ed il successivo imbottigliamento sono avvenuti nel mese di marzo.

Dati storici

La Tenuta Monteloro si trova a 12 chilometri da Firenze, sulle colline alle spalle di Fiesole, immersa in un panorama di vigneti, uliveti e boschi tra cui si scorgono belle ville e casali tra cui la dimore estive della famiglia di Portinari e Alighieri dove sembra che sia nato l’amore tra Dante e Beatrice. Si sviluppa su una superficie di 150 ettari, di cui attualmente 75 vitati, e si trova ad un’altitudine media di 500 m s.l.m. Il nome "Scabrezza" deriva da un indice di misurazione dello scorrere delle acque, dedicato al fiume Arno che scorre proprio vicino alla tenuta. Il primo vino prodotto in tenuta è stato il “Mezzo Braccio” nel 2007, al quale si è aggiunto dopo due vendemmie “Scabrezza”.

Note degustative

Dal colore giallo paglierino, presenta un profumo delicato, con note di mela, fiori d’arancio e d’acacia. Al palato è morbido e sapido, di grande struttura minerale. Un vino fresco e persistente.