Mezzo Braccio / 2007

Mezzo Braccio / 2007

La Tenuta Monteloro si trova a 12 chilometri da Firenze, sulle colline alle spalle di Fiesole, immersa in un panorama di vigneti, uliveti e boschi tra cui si scorgono belle ville e casali. Si sviluppa su una superficie di 140 ettari, di cui attualmente 55 vitati, e si trova ad un'altitudine media di 500 m s.l.m. Il nome "mezzobraccio" deriva dall'antica unità di misura dei terreni della zona, tutt'ora divisi in piccoli appezzamenti intercalati da boschi e ruscelli, dominati da ciglioni e terrazzamenti, percorsi da muriccioli in pietra. L'eterogenea conformazione del territorio, il clima contraddistinto da importanti escursioni termiche, la disposizione a varie altitudini dei vigneti, ne fanno un luogo vocato alla produzione di grandi vini bianchi. La zona è conosciuta per essere stata nei secoli luogo di soggiorno della nobiltà fiorentina che qui usava ritirarsi nel periodo estivo, come testimoniano le ormai celebri case di Beatrice Portinari e Dante Alighieri, affacciate sui vigneti della tenuta.

Classificazione
Toscana IGT
Uvaggio
Pinot grigio, Pinot bianco e Riesling
Clima

Il germogliamento e il successivo sviluppo sono avvenuti in maniera regolare. Le abbondanti piogge cadute prima di Ferragosto hanno permesso alle viti di superare un inizio di stress idrico che poteva pregiudicare le caratteristiche qualitative del raccolto.La fase di maturazione è iniziata la prima decade di Agosto ed è terminata in maniera scalare, in funzione della varietà, verso metà settembre. La prima varietà raccolta è stata il Pinot grigio, a seguire il Pinot bianco ed il Riesling. Al momento della raccolta l'uva era di ottima qualità. In degustazione i grappoli erano croccanti, con polpa soda e una buona trama minerale.

Vinificazione

La raccolta è avvenuta a mano. I grappoli, dopo essere stati diraspati, sono stati sottoposti ad una pigiatura al fine di estrarne con la maggior delicatezza possibile il succo . La fermentazione alcolica è avvenuta in purezza in tini di acciaio inox a temperature non superiore ai 16°C. L'assemblaggio è avvenuto a metà Dicembre. Successivamente il vino è stato conservato a temperatura di 10°C per preservarne la fragranza fino al momento dell'imbottigliamento avvenuto alla fine dell'inverno.
Alcool: 13,0% Vol.

Note degustative

Al naso il vino esprime note di fiori di arancio e sambuco. In bocca è saporito, pieno ed avvolgente con una trama acidica sostenuta che lascia spazio a sensazioni gustative che richiamano la pesca gialla. Il finale regala sensazioni minerali amalgamate a sentori di scorze di cedro candito.